italy-2458607_1280

Scegliere di viaggiare non è assolutamente semplice. Sono moltissime le mete a disposizione, e le tipologie di vacanza. L’Italia, poi, offre una vasta scelta di itinerari che man mano variano e si differenziano, passando da paesaggi marini a infinite distese di catene montuose, che si innalzano con le loro incredibili vette tra le distese erbose. Un mix adatto a tutti i gusti Ad esempio, i turisti amanti degli specchi d’acqua, di un luogo che possa permetter di staccare dalla routine lasciandosi pervadere da profumi e colori, dedicandosi totalmente al relax, scelgono il tratto che si estende lungo la costiera amalfitana.Un mix tra coste a picco sul mare, insenature in cui fanno capolino minuscoli paesi dalle case colorate ed un mare limpido che ha reso la zona uno dei luoghi più cliccati del web.Cultura e paesaggi mozzafiato sono le parole chiave della costiera amalfitana, che coniuga egregiamente un lunga tradizione culinaria ad una offerta turistica imperdibile, fatta di strutture architettoniche meritevoli di visita.Ideale per un week end romantico, ma anche semplicemente per un tour in compagnia, i paesi di questa zona sono il fulcro del turismo, che la rendono unica, tanto da necessitare di una seconda visita, per non perdere qualche attrattiva. Una gita in barca, in particolare, potrebbe rivelarsi sempre più suggestiva. Cosa vedere e cosa fare in costiera amalfitana. L’affascinante lembo di terra che si estende nella penisola sorrentina, si incrocia perfettamente con il mare, come un pezzo conclusivoLeggi altro →

nature-2484584_1280

Le Canarie in barca a vela: El Hierro El Hierro è un’isola unica e a sé stante. Come buona parte dell’Arcipelago, non è previsto nessun tipo di movida e il turismo di massa qua ancora non è arrivato. Perfetta per essere raggiunta in barca a vela. La capitale Valverde L’unica capitale che non sta sul mare, è proprio Valverde che è situata su una montagna con conseguente tempo nuvoloso e per niente caldo. Questo ha portato molti abitanti a trasferirsi altrove, dove il clima è più caldo e soleggiato, e ad andare nella capitale solo per il lavoro. Superata la capitale, recatevi al Mirador de la Peña per poi fermarvi a mangiare nel suggestivo ristorante incavato nella pietra con vista diretta al mare: mirabile esempio di architettura moderna che si ingloba nella natura senza stravolgerla. La foresta delle streghe Meglio nota come la foresta di Llanìa, è stata soprannominata foresta delle streghe grazie alla foschia che aleggia sempre in questo luogo, ricordando quella tipica del sovrannaturale nell’immaginario collettivo. In realtà è un posto bellissimo e molto suggestivo, con percorso di trekking incluso che culminano in un belvedere che vi mostrerà tutta la forza della natura circostante. Avvicinandovi al centro dell’isola, noterete l’aumento di coltivazioni di ananas e banane: il primo è tipico dell’isola, le seconde sono tipiche di quasi tutto l’arcipelago. L’Hotel più piccolo del mondo Le streghe della foresta hanno fatto un piccolo incantesimo: hanno incastonato letteralmente una strutturaLeggi altro →

Marina di Ragusa

Sulle sponde del Mar Mediterraneo sorge una piccola perla siciliana: Marina di Ragusa. A circa 25 km da Ragusa, in inverno conta circa 3500 abitanti. In estate invece, questo piccolo centro pullula di gente e si anima di eventi. Se il vostro intento è visitare questa porzione di Sicilia, senza rinunciare a godersi un po’ di mare, questo è un ottimo luogo dove soggiornare e da dove partire alla scoperta dei comuni nei dintorni. Dove andare e cosa mangiare Di posti dove alloggiare ce ne sono davvero tanti ed inoltre poco fuori dal paese, lungo la costa, vi sono diversi campeggi e villaggi turistici. Se optate per un appartamento, vi consiglio di usare sempre molta accortezza nello scegliere e tenete conto del budget che avete a disposizione. Per quanto riguarda il dove mangiare, credetemi che avrete l’imbarazzo della scelta e non disdegnerei di far qualche km verso i comuni dell’entroterra per gustare piatti tipici della tradizione siciliana. Essendo, però, luogo di mare, mi sembra superfluo direzionarvi verso le specialità a base di pesce. Per la scelta, non affidatevi solo alle recensioni che trovate sul web o su tripadvisor, ma chiedete anche agli abitanti che di sicuro vi sapranno consigliare. Un patrimonio culturale inestimabile: tra storia e tv Andando da Marina di Ragusa verso l’entroterra avrete modo di visitare Ragusa o Modica, o ancora Vittoria o Scicli, il cui centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Vi ricordo, che questa zonaLeggi altro →

mare

La Graciosa è un’isola di 500 abitanti e 27 metri quadrati, appartenente alla città di Teguise, Lanzarote. Non ha municipio viste le piccole dimensioni ma è un piccolo gioiello che merita di essere visto. Dopo che avrete visitato le altre isole, solcate i mari conducendo la vostra barca a vela in direzione La Graciosa: vi troverete nell’unica Riserva Marina dell’Arcipelago canario. Qui la semplicità regna sovrana: leggende narrano che gli abitanti non abbiano intenzione di lasciare l’isola e sopravvivono di turismo e pesca. Tanto sono semplici, che non hanno mai voluto strade asfaltate e le uniche due presenti sono sentieri di sabbia. Esistono alberghi, ristoranti e strutture turistiche ma non scuole per i bambini del posto, che devono recarsi a Lanzarote. Viste le dimensioni ridotte dell’isola, le attività che vanno per la maggiore sono inerenti le spiagge. E sempre per lo stesso motivo ci si sposta a piedi o in sella ad una bici: il fisico ringrazia! Itinerario Punto di partenza è la capitale Caleta de Sebo, da cui ci dirigiamo alla volta del sud, per trovarci immersi in una natura semplice, colorata ma mozzafiato. D’improvviso l’esplosione dei colori della Montagna Amarilla ci lascia a bocca aperta: un’intera montagna color senape si innalza di fonte a noi, contrastando con l’azzurro del cielo e i colori tipicamente marini. A questo punto finalmente spiaggia: La Cocina, una spiaggia libera e a disposizione per rilassarsi e godersi i suoni, i colori e iLeggi altro →

donna

Fuerteventura è un paradiso terrestre. Se avete deciso di fare una vacanza in barca a vela, e di girarvi le isole Canarie non potete perdervi questa meravigliosa isola. Il vento, come dice il nome, la farà da padrone ma visto che farà quasi sempre caldo, ringrazierete Eolo. L’isola è composta da tantissime spiagge, una più bella dell’altra, ed è una meta ambitissima per chiunque pratichi uno sport acquatico: troverete spiagge dedicate al windsurf, al surf, al kitesurf e a qualsiasi altro sport che preveda vento e acqua. Fuerteventura è un’isola tranquilla, non avvezza alla movida, in cui potrete passare il tempo in perlustrazione delle spiagge e imbattervi in greggi di capre, simbolo dell’isola, durate il tragitto. Tappa obbligatoria: assaggiare il formaggio tipico di queste terre perché è una vera delizia. Già che avete una barca a vela, recatevi a Isla de Lobos: un piccolo isolotto a nord dell’isola, totalmente disabitato e frequentato solo da pescatori e bagnanti. Potrete ritagliarvi il vostro angolo di spiaggia privato, o dedicarvi alla pesca. In ogni caso total relax! Piccola curiosità: nell’isola di Fuerteventura è stato girato il film di Star Wars su Han Solo, siete curiosi di vederne i luoghi è l’occasione giusta. Corralejo Città famosa per essere ritrovo di connazionali espatriati o in vacanza sull’isola: Corralejo è quasi made in Italy, ed è piena di pizzerie, gelaterie e locali a conduzione italiana. Ma la sua vera peculiarità sono le dune che formano unLeggi altro →

Lanzarote

Le Canarie in barca a vela: Lanzarote La particolarità delle Isole Canarie è che ognuna è diversa dalle altre. Gran Canaria è città, Fuerteventura mare, La Graciosa piccola e accogliente e Lanzarote ricorda i paesaggi lunari. Avete letto bene, i paesaggi lunari. Le isole sono di origine vulcanica, ma mentre Gran Canaria è perlopiù verde e Fuerteventura somiglia a un deserto, Lanzarote ha un classico terreno scuro che si alterna a spiagge bianche, canyon e altre mille particolarità. L’isola è selvaggia, ricca di contrasti, piena di scorci che vi lasceranno a bocca aperta, e soprattutto di spiagge che potete raggiungere con la vostra barca a vela. Una volta terminata la tintarella, che fare? Ecco cosa non vi potete assolutamente perdere: Jardin del cactus Situato vicino a Teguise, è un vero e proprio museo del cactus (non ridete che non è fine!). Qui potrete trovare oltre 450 varietà di questa pianta grassa. Ne troverete di ogni forma e provenienza, immersi in una terrazza adibita a museo. Jameos del agua Di che si tratta? Di tre laghi sotterranei formatisi sotto il mare, e rinchiusi in tunnel che si è formato a seguito di un’eruzione vulcanica. Uno spettacolo della natura da vedere, anche se purtroppo per farlo è necessario pagare. La bellezza del posto vi ripagherà del piccolo contributo economico. Caleta de Famara Amanti del surf e del kitesurf, questo è il vostro momento! Qui il vento non vi abbandonerà mai, e sareteLeggi altro →