alla scoperta di Aarhus

Principale centro portuale danese, Aarhus con il suo paesaggio pittoresco e la sua atmosfera unica, è senza dubbio una delle mete da aggiungere al tour delle vacanze estive. Questa cittadina, una delle più antiche della Scandinavia, è il luogo perfetto per un soggiorno all’insegna di curiosità, sport e relax.  La “più piccola grande città del mondo”, così come viene denominata, è stata, infatti, dichiarata nel 2017 insieme a Pafo Capitale europea della cultura. D’altronde è proprio questa la sede della seconda università più grande e più antica di tutta la Danimarca che, con più di 32.000 di studenti, occupa gran parte della città alta. Assolutamente da visitare é il meraviglioso museo delle Belle Arti ARoS particolarmente noto per il cosiddetto “your rainbow panorama”: una passerella in cima all’edificio in vetro colorato che dà sul centro abitato. Al suo interno, invece, troviamo la perfetta combinazione di antico e moderno con quadri appartenenti all’arte danese del XVIII secolo affiancati a mostre itineranti con opere di artisti contemporanei provenienti da tutto il mondo. Per gli appassionati di storia, invece, una tappa da non perdere è il Den Gamble By. Questo museo all’aria aperta dista circa 1,5km dal centro città ed è la ricostruzione fedele della vita cittadina di un villaggio vichingo d’epoca. Al suo interno oltre a più di 75 edifici datati XVII, XVIII, XIX secolo si trovano riproduzioni funzionanti di scuole, panifici, dogane, teatri e molto altro, oltre che a 5 mostreLeggi altro →

viaggi barca

Viaggiare apre la mente, allarga gli orizzonti ed è una gioia per l’animo. Esistono centinaia di modi per esplorare il mondo e uno di questi è farlo a bordo di una barca. Affidarsi all’acqua e al vento è un’esperienza unica, da provare almeno una volta nella vita. E se anche tu sei un viaggiatore e non temi le avventure, eccoti 5 buoni motivi per preparare lo zaino e salpare il prima possibile. Aiuta a superare le difficoltà Sei lontano da casa e dalla terra ferma, davanti a te ci sono solo ettari d’acqua e un orizzonte di cui non vedi la fine. Quando metti piede su una barca decidi di affidarti alla forza della natura e in caso di difficoltà non avrai nessun altro se non te stesso. L’idea può far paura ma alla fine di questa esperienza più di chiunque altro sentirai di essere in grado di prendere in mano il timone della tua vita e di poterne fare quello che vuoi. Svuota la mente Non ci siete che tu, la barca, l’acqua e un cielo sterminato sopra la tua testa. Fare un viaggio di cui non puoi vedere i confini ti libera la mente da cattivi pensieri, ti rilassa, ti costringe a guardare in faccia la realtà: al mondo ci sono così tante cose da scoprire, sensazioni da vivere che non c’è tempo per rovinarsi la salute con le stupidaggini della vita di tutti i giorni. Il mareLeggi altro →

ibiza

Dopo un inverno che sembra infinito, ecco finalmente avvicinarsi l’estate e le tanto, anzi fin troppo, attese vacanze. Hai già preparato bikini, crema solare e ombrellone ma non sai ancora dove andare?  Non importa che tu sia un party animal o un amante della natura perché qualsiasi sia la tua risposta la meta perfetta per le tue vacanze potrebbe essere proprio Ibiza. Quest’isola delle Baleari immersa nel Mar Mediterraneo è infatti la combinazione perfetta di divertimento, relax e svago. E ora ti spiego il perché. Divertimento h24 L’avrai già sentito dire milioni di volte ma è proprio così: Ibiza è l’isola del divertimento per eccellenza. Con la sua vita notturna più celebre d’Europa annoiarsi è letteralmente impossibile: tra discoteche sulla spiaggia, serate all’insegna della musica, bar all’aperto e feste in yacht ce n’è per tutti i gusti. E non ti azzardare a tornare a casa senza aver fatto un salto all’Ushuaia, il club open air più famoso dell’isola con le sue ospitate anche da oltreoceano, o ad una delle tante serate del Privilege, la discoteca più grande del mondo. Se, invece, non ami scatenarti sulle piste da ballo, non rimarrai deluso dal bellissimo centro città. Ricco di angoli rustici e chioschetti tipici del luogo è perfetta per lunghe passeggiate e shopping fino a tardi. E se sei un appassionato dei souvenir fuori dalle righe o delle atmosfere eccentriche allora non devi assolutamente perderti gli eclettici mercatini hippie. Particolarmente noto èLeggi altro →

wall-mural-659302_1280

In un’epoca in cui media e web parlano di emarginazione come un fenomeno all’ ordine del giorno, esistono ancora delle possibilità, come i festival, per unire, anche solo per pochi giorni, popoli e culture.  La condizione che esclude alcuni soggetti in particolare, escludendoli addirittura dai rapporti sociali o, in casi ancor più gravi, vengono negati i diritti civili. Questo fenomeno ha sempre caratterizzato la storia dell’umanità.  Alcuni casi eclatanti sono capitoli bui della nostra storia e, proprio per evitare la diffusione di una cultura della non conoscenza, si sono realizzati alcuni eventi con l’obiettivo finale di mostrare quanto la diversità sia una ricchezza. Fino al 9 giugno, nei pressi di Chiuduno, paese immerso nella zona del Franciacorta, si terrà l’edizione del “Lo spirito del pianeta”, il festival dei popoli indigeni, che li omaggia.  Giunto alla sua diciannovesima edizione, questo evento si pone l’obiettivo di raccontare e solidarizzare i cittadini, raccontando traduzioni e diritti, spesso violati, di questi popoli.  Tema di questa edizione sarà proprio quello dello sfratto, appellandosi all’economia mondiale che spesso, violentemente, li ha costretti ad abbandonare la propria terra, restando sordi a qualunque rispetto della loro dignità, sia via terra che via nave.  Il festival, si farà portavoce di gruppi conosciuti ma anche, e soprattutto, di minoranze come i brasiliani guaranì e shuar ma non solo. Per la prima volta in Italia saranno ospitati gruppi tradizionali dalle isole Fiji, dall’India e dal sud Africa.  Un festival molto importante, quelloLeggi altro →

girl-1484797_1280

Sembra il lavoro dei sogni. Viaggiare muniti di valigia, fotocamera e una voglia sfrenata di conoscere ed immergersi appieno in nuovi mondi e culture. L’emisfero pare davvero un meraviglioso ufficio itinerante dove vivere le proprie avventure e raccontare tramite i social network. Fino a qualche anno fa si pensava principalmente a viaggiare e godersi i paesaggi, si realizzavano reportage per documentare il tutto, ottenendo quasi sempre risultati catastrofici o foto semi mosse. Con l’avvento dei selfie, dei social dedicati alla condivisione dei propri scatti, molti appassionati hanno deciso di sfoggiare le proprie capacità iniziando a mostrare luoghi e anfratti più caratteristici dei propri paesi e delle proprie vacanze. I più costanti, invece, che possedevano un proprio blog e propri canali Social, aggiornato con i propri diari di viaggio, si potevano già definire blogger. Come diventare un travel blogger professionista? Tanti ci hanno provato, ma non tutti sono riusciti a fare di questa passione un vero e proprio lavoro. E molti non sono ancora riusciti a cogliere l’importanza dei Social network in questo percorso. C’è chi viaggia per piacere, percorrendo chilometri e chilometri, sfidando mezzi di trasporto e condizioni climatiche, e chi, come hostess, steward, macina lunghe e brevi distanze rendendo gli spostamenti uno stile di vita redditizio. Il travel blogger, però, è un mestiere diverso a tutti gli effetti. Deve esser, al contempo, un seo Copywriter, un social media manager, un buon digital pr e un venditore di parole. DeveLeggi altro →

naples-122698_1280

Si tratta di una delle città Italiane più conosciute in tutto il mondo. Tra pummarola in coppa, pizza e mandolino ha molto da dare a chiunque si addentri fra i suoi vicoli. Qualsiasi persona del posto vi direbbe “Napoli è un teatro” e non esisterebbe parola più adatta per descriverla. Da piazza Plebiscito ai quartieri storici la differenza é evidente. Nella Napoli moderna puoi vedere gente intenta a fare shopping in galleria o a prendersi un caffè al Gambrinus, nel Centro storico puoi ritrovare il fascino dei film di Totò o delle commedie di De Filippo, tra cittadini che ballano la tarantella o che cantano e fuochi d’artificio che esplodono. Napoli è quella città in cui non ti annoieresti mai, dove una calorosa accoglienza è di casa insieme al profumo di sfogliatelle appena fatte. È un luogo  con una ricchezza artistica, storica e culturale molto ampia che ha portato l’UNESCO a dichiarare il suo centro storico come Patrimonio dell’Umanità. Diversi i popoli che hanno lasciato resti del loro passaggio in questa città, dai greci ai romani, dai normanni agli spagnoli, grazie ai quali Napoli fu centro politico del regno borbonico delle Due Sicilie. -I palazzi storici di Napoli A livello turistico oltre ai quartieri spagnoli ideali per gli acquisti e possibile dedicarsi alla visita dei palazzi storici di Napoli primo fra tutti Castel dell’Ovo, che prende il nome da una leggenda secondo cui Virgilio avrebbe scoperto all’interno del castello unLeggi altro →

italy-2458607_1280

Scegliere di viaggiare non è assolutamente semplice. Sono moltissime le mete a disposizione, e le tipologie di vacanza. L’Italia, poi, offre una vasta scelta di itinerari che man mano variano e si differenziano, passando da paesaggi marini a infinite distese di catene montuose, che si innalzano con le loro incredibili vette tra le distese erbose. Un mix adatto a tutti i gusti Ad esempio, i turisti amanti degli specchi d’acqua, di un luogo che possa permetter di staccare dalla routine lasciandosi pervadere da profumi e colori, dedicandosi totalmente al relax, scelgono il tratto che si estende lungo la costiera amalfitana.Un mix tra coste a picco sul mare, insenature in cui fanno capolino minuscoli paesi dalle case colorate ed un mare limpido che ha reso la zona uno dei luoghi più cliccati del web.Cultura e paesaggi mozzafiato sono le parole chiave della costiera amalfitana, che coniuga egregiamente un lunga tradizione culinaria ad una offerta turistica imperdibile, fatta di strutture architettoniche meritevoli di visita.Ideale per un week end romantico, ma anche semplicemente per un tour in compagnia, i paesi di questa zona sono il fulcro del turismo, che la rendono unica, tanto da necessitare di una seconda visita, per non perdere qualche attrattiva. Una gita in barca, in particolare, potrebbe rivelarsi sempre più suggestiva. Cosa vedere e cosa fare in costiera amalfitana. L’affascinante lembo di terra che si estende nella penisola sorrentina, si incrocia perfettamente con il mare, come un pezzo conclusivoLeggi altro →

nature-2484584_1280

Le Canarie in barca a vela: El Hierro El Hierro è un’isola unica e a sé stante. Come buona parte dell’Arcipelago, non è previsto nessun tipo di movida e il turismo di massa qua ancora non è arrivato. Perfetta per essere raggiunta in barca a vela. La capitale Valverde L’unica capitale che non sta sul mare, è proprio Valverde che è situata su una montagna con conseguente tempo nuvoloso e per niente caldo. Questo ha portato molti abitanti a trasferirsi altrove, dove il clima è più caldo e soleggiato, e ad andare nella capitale solo per il lavoro. Superata la capitale, recatevi al Mirador de la Peña per poi fermarvi a mangiare nel suggestivo ristorante incavato nella pietra con vista diretta al mare: mirabile esempio di architettura moderna che si ingloba nella natura senza stravolgerla. La foresta delle streghe Meglio nota come la foresta di Llanìa, è stata soprannominata foresta delle streghe grazie alla foschia che aleggia sempre in questo luogo, ricordando quella tipica del sovrannaturale nell’immaginario collettivo. In realtà è un posto bellissimo e molto suggestivo, con percorso di trekking incluso che culminano in un belvedere che vi mostrerà tutta la forza della natura circostante. Avvicinandovi al centro dell’isola, noterete l’aumento di coltivazioni di ananas e banane: il primo è tipico dell’isola, le seconde sono tipiche di quasi tutto l’arcipelago. L’Hotel più piccolo del mondo Le streghe della foresta hanno fatto un piccolo incantesimo: hanno incastonato letteralmente una strutturaLeggi altro →

Marina di Ragusa

Sulle sponde del Mar Mediterraneo sorge una piccola perla siciliana: Marina di Ragusa. A circa 25 km da Ragusa, in inverno conta circa 3500 abitanti. In estate invece, questo piccolo centro pullula di gente e si anima di eventi. Se il vostro intento è visitare questa porzione di Sicilia, senza rinunciare a godersi un po’ di mare, questo è un ottimo luogo dove soggiornare e da dove partire alla scoperta dei comuni nei dintorni. Dove andare e cosa mangiare Di posti dove alloggiare ce ne sono davvero tanti ed inoltre poco fuori dal paese, lungo la costa, vi sono diversi campeggi e villaggi turistici. Se optate per un appartamento, vi consiglio di usare sempre molta accortezza nello scegliere e tenete conto del budget che avete a disposizione. Per quanto riguarda il dove mangiare, credetemi che avrete l’imbarazzo della scelta e non disdegnerei di far qualche km verso i comuni dell’entroterra per gustare piatti tipici della tradizione siciliana. Essendo, però, luogo di mare, mi sembra superfluo direzionarvi verso le specialità a base di pesce. Per la scelta, non affidatevi solo alle recensioni che trovate sul web o su tripadvisor, ma chiedete anche agli abitanti che di sicuro vi sapranno consigliare. Un patrimonio culturale inestimabile: tra storia e tv Andando da Marina di Ragusa verso l’entroterra avrete modo di visitare Ragusa o Modica, o ancora Vittoria o Scicli, il cui centro storico è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Vi ricordo, che questa zonaLeggi altro →

mare

La Graciosa è un’isola di 500 abitanti e 27 metri quadrati, appartenente alla città di Teguise, Lanzarote. Non ha municipio viste le piccole dimensioni ma è un piccolo gioiello che merita di essere visto. Dopo che avrete visitato le altre isole, solcate i mari conducendo la vostra barca a vela in direzione La Graciosa: vi troverete nell’unica Riserva Marina dell’Arcipelago canario. Qui la semplicità regna sovrana: leggende narrano che gli abitanti non abbiano intenzione di lasciare l’isola e sopravvivono di turismo e pesca. Tanto sono semplici, che non hanno mai voluto strade asfaltate e le uniche due presenti sono sentieri di sabbia. Esistono alberghi, ristoranti e strutture turistiche ma non scuole per i bambini del posto, che devono recarsi a Lanzarote. Viste le dimensioni ridotte dell’isola, le attività che vanno per la maggiore sono inerenti le spiagge. E sempre per lo stesso motivo ci si sposta a piedi o in sella ad una bici: il fisico ringrazia! Itinerario Punto di partenza è la capitale Caleta de Sebo, da cui ci dirigiamo alla volta del sud, per trovarci immersi in una natura semplice, colorata ma mozzafiato. D’improvviso l’esplosione dei colori della Montagna Amarilla ci lascia a bocca aperta: un’intera montagna color senape si innalza di fonte a noi, contrastando con l’azzurro del cielo e i colori tipicamente marini. A questo punto finalmente spiaggia: La Cocina, una spiaggia libera e a disposizione per rilassarsi e godersi i suoni, i colori e iLeggi altro →