mare

La Graciosa è un’isola di 500 abitanti e 27 metri quadrati, appartenente alla città di Teguise, Lanzarote. Non ha municipio viste le piccole dimensioni ma è un piccolo gioiello che merita di essere visto.

Dopo che avrete visitato le altre isole, solcate i mari conducendo la vostra barca a vela in direzione La Graciosa: vi troverete nell’unica Riserva Marina dell’Arcipelago canario.

Qui la semplicità regna sovrana: leggende narrano che gli abitanti non abbiano intenzione di lasciare l’isola e sopravvivono di turismo e pesca. Tanto sono semplici, che non hanno mai voluto strade asfaltate e le uniche due presenti sono sentieri di sabbia. Esistono alberghi, ristoranti e strutture turistiche ma non scuole per i bambini del posto, che devono recarsi a Lanzarote.

Viste le dimensioni ridotte dell’isola, le attività che vanno per la maggiore sono inerenti le spiagge. E sempre per lo stesso motivo ci si sposta a piedi o in sella ad una bici: il fisico ringrazia!

Itinerario

Punto di partenza è la capitale Caleta de Sebo, da cui ci dirigiamo alla volta del sud, per trovarci immersi in una natura semplice, colorata ma mozzafiato. D’improvviso l’esplosione dei colori della Montagna Amarilla ci lascia a bocca aperta: un’intera montagna color senape si innalza di fonte a noi, contrastando con l’azzurro del cielo e i colori tipicamente marini.

A questo punto finalmente spiaggia: La Cocina, una spiaggia libera e a disposizione per rilassarsi e godersi i suoni, i colori e i rumori di un’isola selvaggia.

Dopo il relax, riprendiamo il cammino e ci dirigiamo verso Punta Fariones: una scogliera adibita a belvedere, da cui possiamo ammirare, e quasi toccare, la lunare Lanzarote. Prendiamoci qualche minuto per ammirare il paesaggio e renderci conto della fortuna di poter far parte di questo spettacolo!

Il passaggio nord-sud

Può sembrare una cosa banale, ma questo passaggio è tangibile. Come: grazie a due segnali:

  • Il vento che aumenta improvvisamente
  • Le ginestre che accompagnano il nostro cammino

Se avete dubbi sulla vostra ubicazione, fate caso a questi segnali inequivocabili.

Continuate il percorso fra paesaggi e piccoli agglomerati urbani, fino a tornare al punto di partenza Caleta de Sebo. Dopo aver rifocillato l’anima, è il momento di farlo anche con il corpo: scegliete uno dei ristoranti tipicamente canari presenti, e godetevi il cibo.

Alternativa è salire sulla vostra barca a vela, cucinarvi un ottimo pranzo e godervi la tranquillità che vi circonda. Il clima alle Canarie è mite per la maggior parte dell’anno, quindi è molto facile incontrare giornate calde e soleggiate, che vi faranno venire voglia di godervi in santa pace il sole dalla vostra imbarcazione.

La visita alla Graciosa è molto breve, ma vi lascerà ricordi indelebili scanditi dal rumore del mare che è sempre un ottimo sottofondo. Girare le Canarie in barca a vela regala momenti preziosi, scorci indimenticabili e ricordi da custodire gelosamente: oggi con gli smartphone catturiamo ogni attimo, ma ci sono momenti che possono essere resi immortali solo dall’occhio umano. Ecco questa esperienza, rientra in questa categoria quindi fate vostro ogni singolo dettaglio e godetevi il viaggio!

Comments

comments