Sentiero Liguria

È stato inaugurato ieri 17 aprile il percorso che collega il Sentiero Liguria a Celle Ligure.  Si tratta di un cammino che comprende nel suo itinerario una totale immersione tra gli uliveti e i vigneti, tra il giallo delle ginestre e il blu del mare.  675 chilometri da Luni a Ventimiglia percorribili in 30 tappe, alcune facili ed altre adatte ai trekker più esperti. Un sentiero unico per andare alla scoperta di una regione unica, dalle mille bellezze che si snodano tra le colline, i paesaggi di montagna, i piccoli borghi, ed ovviamente il mare con il suono delle sue onde. È stato possibile realizzare questo percorso grazie ai sentieri già esistenti mettendoli semplicemente su mappa. È stata un’ idea che ha preso forma grazie anche all’accessibilità delle località costiere, dove si può giungere anche in barca. I tratti disponibili sono diversi in base alla zona che si sceglie di visitare e sono inclusi all’interno delle principali città liguri appartenenti ai comuni di La Spezia, Genova, Savona e Imperia. Un viaggio da antiche città romane come Luni, a borghi come Lerici, sino a luoghi riconosciuti a livello internazionale come Portofino e Sanremo. I periodi migliori sono l’autunno e la primavera per godere di un clima mite, ma anche nel periodo estivo, ovviamente con i dovuti accorgimenti per le alte temperature. In questo caso, potrete concedervi una pausa sulle bellissime spiagge della costa ligure. Il percorso può essere affrontato per intero,Leggi altro →

Kos

K Avete voglia di immergervi nella cultura della Grecia senza rinunciare ad una certa dose di modernità? Kos è la meta ideale. L’isola di Kos è la terza isola più grande del Dodecaneso, e dopo la rinomata Rodi anche questo piccolo paradiso fa la sua belle figura. I luoghi di interesse si dividono tra le spiagge dalle acque cristalline e monumenti storici che testimoniano il passaggio di romani, ottomani ed ellenistici. Se giungerete dunque a Kos per una vacanza, avrete modo di passare dei giorni all’insegna del relax, della cultura ma anche del divertimento. Se avete deciso di intraprendere il vostro viaggio in barca, da soli o in compagnia, sicuramente il primo posto in cui metterete piede è il porto. Già qui, vi si aprirà dinanzi ai vostri occhi, una delle prime costruzioni da visitare: il castello medievale di Neratzia. La bellezza di questa fortezza risiede innanzitutto nel nome: Neratzia significa “arancio amaro” e deriva dalla presenza degli aranci che crescono attorno al castello. Dell’antico splendore oggi rimangono solo rovine, ma chi visita il castello troverà al suo interno una seconda fortezza costruita dai Cavalieri Ospitalieri per difendere l’isola dall’attacco dei turchi. Altre mete imperdibili sono l’Antica Agorà con il tempio dedicato alla dea Afrodite e la Plateia Platanou: si racconta che in questo luogo, sotto il platano ancora visibile, Ippocrate, padre della medicina, teneva le sue lezioni, valide ancora oggi. Basti pensare al giuramento di Ippocrate professato dai giovaniLeggi altro →

WhatsApp Image 2019-04-11 at 01.18.08

Per un viaggio all’insegna della spensieratezza, della famiglia, delle spiagge immacolate e del mare limpido, Zara è il luogo giusto in cui ricercare questa alchimia. Situata sulla costa dalmata, questa città croata trabocca di cultura nostrana. Essa, infatti, è stata per secoli uno dei capisaldi commerciali della supremazia marittima della Serenissima Repubblica di Venezia. Anche in tempi più recenti, poi, il destino di questo piccolo angolo di paradiso è stato legato con un filo a doppio nodo a quello del Bel Paese. La capitale del cosmopolitismo croato Dal punto di vista culturale, Zara può essere definita come una vera e propria capitale del cosmopolitismo. Nel corso della sua lunghissima storia, infatti, essa ha visto alternarsi sul proprio trono le più svariate popolazioni, dai tedeschi agli ungheresi, dai romani ai veneziani. Solo dopo la seconda guerra mondiale questa cittadina ha iniziato a costruire l’identità culturale che noi tutti, oggi, siamo abituati a conoscere, e sono meno di trent’anni che, sugli edifici politici della cittadina, è issato lo stendardo croato. La sua caratteristica principale, dunque, è quella di riuscire ad interpretare e soddisfare i bisogni dei turisti provenienti da ogni parte d’Europa. La sua particolare connotazione culturale e le contaminazioni hanno reso Zara una delle città più versatili del Vecchio Continente, e questo la rende particolarmente familiare ed attrattiva per qualsiasi visitatore. Vocazione marinara: una storia millenaria I bagniasciuga di questa ridente cittadina sono tra i più variegati. In pochissimi chilometri siLeggi altro →

sailing-boat-4032604_1280

Grazie ad un viaggio in barca, si può scegliere il proprio itinerario preferito, nei periodi più congeniali, veleggiando tra baie suggestive, acque cristalline e natura incontaminata. La sera, poi, una volta a terra, si può cenare in uno dei ristoranti tipici, per poi tornare a bordo, e dormire lasciandosi cullare sotto un cielo stellato. L’esperienza in barca è armoniosa, serena e piacevole, così come la vita di bordo, che si fonda sul rispetto del navigatore per il mare che ospita il suo viaggio. É importante essere pronti e versatili, calcolando gli eventuali imprevisti, variazioni di programma ed intemperie. Bisogna essere pronti a centellinare l’acqua che si utilizza, poiché la barca non ne dispone a volontà e, a volte, il rifornimento non si riesce a fare nell’immediato. Quindi, bisogna utilizzare il minor quantitativo possibile, riservandola alle docce per risciacquarsi dal sale. Stesso discorso vale per i rifiuti: è infatti buona norma dividere i rifiuti biodegradabili da quelli indifferenziati. Quando si decide di intraprendere un viaggio in barca a vela, però, le domande ed i dubbi sono infiniti. Cosa aspettarsi, la paura di soffrire il mal di mare, quale abbigliamento scegliere e come gestire i pasti, sono i quesiti principali che attanagliano le menti. Le certezze per non farsi cogliere impreparati Se l’opzione scelta non fosse quella di viaggiare con uno skipper, sarà necessario organizzare la propria routine in funzione della barca. Quindi, aprire i propri orizzonti, immergendosi totalmente in una esperienzaLeggi altro →

blue-18110_1280

E’ impossibile cancellare dalla mente il fotogramma dell’ultima vacanza al mare. Non importa dove essa sia stata, se in Sicilia o in Puglia, se sulla Riviera Adriatica o all’Isola d’Elba. Il rumore delle onde ci accompagnano in ogni momento. Il sole che si tuffa di testa in acqua ad ogni tramonto o vi si leva ad ogni alba. La brezza del Mediterraneo che investe in ogni momento, dando ad ognuno quel sapore di libertà che solo una vita da veri lupi di mare può dare. Di quei sette giorni, però, il momento di maggior spessore resterà, sempre, la tradizionale cena di pesce. Non si può dire di essere stati in una località marittima senza aver assaggiato ogni specialità d’acqua salata proposta. Anche la location, in questo magnifico ritratto, ha la sua parte. Vediamo, allora, quali possono essere le varie alternative per vivere un pasto mozzafiato. La tradizione dei ristoranti sulla spiaggia Certamente, questa è una delle opzioni più inflazionate in assoluto. La levigata sensazione della sabbia fresca della sera sotto i piedi, un tiepido Scirocco che spira da Sud-Est e l’illuminazione naturale concessa da una luna più piena che mai. Il tutto, adornato da luci accese, da una musica allegra e dalle tipicità locali di pesce. La Riviera Adriatica, da questo punto di vista, rappresenta un must. Un antipastino freddo di pesce, passatelli in brodo di mare ed un fritto misto sontuoso a completare un menù da veri intenditori. IlLeggi altro →