turismo veneto

Chilometri e chilometri di costa tra Cavallino Treporti e Caorle è finalmente messa al sicuro con una serie di pratiche sostenibili. L’obiettivo è quello di proteggere il litorale sensibilizzando il turismo delle spiagge venete. Il progetto Life Redune è ormai da mesi che raccoglie consensi, anche grazie al contributo di istituzioni ed università. Il focus è quello di connettere tre chilometri di dune attraverso la costruzione di passerelle e dieci chilometri di recinzioni per mettere al sicuro le dune. L’azione di proteggere con le dune sabbiose la prima parte retrostante alla spiaggia dalle mareggiate e mette un freno all’erosione delle coste, molte volte provocate dalle camminate, soprattutto in estate. Il progetto è stato finanziato dal programma Life Natura della commissione Europea e l’università di Venezia Ca’Foscari ed ha ottenuto il sostegno dei comuni di Cavallino Treporti, Jesolo, Eraclea, Caorle e San Michele al Tagliamento. Tra gli obiettivi c’è quello di proteggere la stipa veneta, che è una pianta in via d’estinzione in Italia caratterizzata da enormi cespi dalle altezze davvero elevate. Quali aree marine salvaguardare In primis la laguna di Caorle e la zona che comprende i Comuni di San Michele al Tagliamento, Caorle, Concordia Sagittaria. La seconda area è quella del Bosco Nordio del Comune di Chioggia, che comprende molte dune che rappresentano il gruppo che si snocciola tra la città e il Po. Altre due zone sono la Laguna del Mort e la Penisola del Cavallino, che sonoLeggi altro →

zanzibar

L’Africa è ormai diventata una meta rinomata per una vacanza low cost, grazie alla sua indiscussa bellezza, le meraviglie naturali ed il mare cristallino. Molte sono le isole conosciute, ma ancor di più quelle di cui si ignorano i paesaggi da sogno e le enormi possibilità per vivere un’esperienza favolosa. Il continente è popolare per i tour nella savana, che affascina gli amanti dell’avventura e per le vacanze all’insegna del lusso low cost e del relax che solo Egitto e Marocco possono offrire. Questa guida, però, vi farà scoprire quanto valga la pena addentrarsi più in profondità per esplorare le isole che ancora non sono diventate mete del turismo di massa. Le isole dell’Africa, natura e mare per un bagno di benessere Il Madagascar è già rinomato per le sue spiagge dalla sabbia bianca e fine e le acque cristalline, paragonabili, forse, solo ai Caraibi. Esistono però, altre isole minori che meritano di essere visitate. Sao Tomè, ad esempio, è un territorio insulare dito proprio sull’Equatore, particolare, poiché conserva ancora le radici dei colonizzatori portoghesi. Pochi abitanti, natura incontaminata e un’ampia serie di sport acquatici da praticare. L’isola, inoltre, è una vera perla dell’Africa centrale, così come l’ottima cioccolata ed il caffè prodotti e ritenuti, dai più, come i più buoni del mondo. Isola di Mohéli, dove la solitudine regna sovrana L’isola, detta anche Mwali, è considerata la più piccola tra le isole delle Comore ed è perfetta sia perLeggi altro →

mare

La Graciosa è un’isola di 500 abitanti e 27 metri quadrati, appartenente alla città di Teguise, Lanzarote. Non ha municipio viste le piccole dimensioni ma è un piccolo gioiello che merita di essere visto. Dopo che avrete visitato le altre isole, solcate i mari conducendo la vostra barca a vela in direzione La Graciosa: vi troverete nell’unica Riserva Marina dell’Arcipelago canario. Qui la semplicità regna sovrana: leggende narrano che gli abitanti non abbiano intenzione di lasciare l’isola e sopravvivono di turismo e pesca. Tanto sono semplici, che non hanno mai voluto strade asfaltate e le uniche due presenti sono sentieri di sabbia. Esistono alberghi, ristoranti e strutture turistiche ma non scuole per i bambini del posto, che devono recarsi a Lanzarote. Viste le dimensioni ridotte dell’isola, le attività che vanno per la maggiore sono inerenti le spiagge. E sempre per lo stesso motivo ci si sposta a piedi o in sella ad una bici: il fisico ringrazia! Itinerario Punto di partenza è la capitale Caleta de Sebo, da cui ci dirigiamo alla volta del sud, per trovarci immersi in una natura semplice, colorata ma mozzafiato. D’improvviso l’esplosione dei colori della Montagna Amarilla ci lascia a bocca aperta: un’intera montagna color senape si innalza di fonte a noi, contrastando con l’azzurro del cielo e i colori tipicamente marini. A questo punto finalmente spiaggia: La Cocina, una spiaggia libera e a disposizione per rilassarsi e godersi i suoni, i colori e iLeggi altro →

polignano a mare

Penso che un sogno così non ritorni mai più mi dipingevo le mani e la faccia di blu poi d’improvviso venivo dal vento rapito e incominciavo a volare nel cielo infinito Volare oh, oh cantare oh, oh nel blu dipinto di blu felice di stare lassù […] Volare-Domenico Modugno Era così che cantava Domenico Modugno, lui, che voleva volare nel cielo infinito della sua meravigliosa Polignano a Mare, ed è così che ci si sente qualunque turista non appena raggiunto questo paese di mare partendo dal porto di Bari. Emozionati, rapiti da tutto ciò che circonda e avvolge il turista, lasciando una dolce sensazione di una carezza dalla onde del mare degli infiniti specchi d’acqua incorniciati da alte rocce che rendono suggestivo e meraviglioso il paesaggio. Da Domenico Modugno ai panorami suggestivi La statua del poliedrico Modugno, personalità di spicco del paese, ad aprire le porte a Polignano a Mare, un omaggio dei cittadini a chi, con la sua musica ed in particolar modo con “Volare”, ha raggiunto l’apice e che ora si erge di fronte al paese, con alle spalle, il mare in tutta la sua grandezza. Passeggiando sul ponte Lama Monachile, posto sul vecchio ponte della Via Traiana, è possibile osservare da vicino il più suggestivo dei paesaggi del paese, che ha fatto da sfondo per alcune fiction televisive. Basti pensare che il tanto amato dalle donne “Beautiful”, ha scelto proprio questo come luogo romantico per celebrare leLeggi altro →